Sistema di assicurazione di qualità (SAQ).

Definizione:

“Tutti gli accordi organizzati e documentati, conclusi al fine di garantire che i materiali e gli oggetti siano della qualità atta a renderli conformi alle norme ad essi applicabili e agli standard qualitativi necessari per l’uso cui sono destinati (Reg. 2023/2006/CE art. 3).”

Commento.

Un sistema di assicurazione della qualità è normalmente descritto in uno o più documenti (manuale della qualità e allegati) che descrivono i processi specifici dell’IMPRESA e la loro gestione.

In alcuni documenti, anche autorevoli viene negato l’obbligo formale di generare tale manuale lasciando all’OSA dell’industria MOCA la spinosa scelta di definire come dare evidenza dell’aver assolto all’obbligo di “dotarsi di un sistema di assicurazione di qualità (SAQ)”.

La scelta, per semplicità e per evitare fraintendimenti, però punta verso la creazione di documento, “Il manuale MOCA” dedicato e definito come evidenza oggettiva dell’assolvimento del requisito di norma (Reg. CE 2023/2006).

Quello che è ormai acclarato è che tale documento, che dovrebbe contenere e descrivere anche il secondo requisito, il sistema di controllo di qualità, può non essere oggetto di certificazione di terza parte in quanto è l’assolvimento di requisito cogente come è assolutamente omologo pensare sia il sistema di autocontrollo degli alimenti (il cosiddetto “Sistema HACCP”).

Per precisazione tecnica la gestione dei MOCA È una parte del sistema di autocontrollo degli alimenti stante il concetto che i MOCA sono, a tutti gli effetti, in grado di condizionare e modificare le caratteristiche e la sicurezza degli alimenti stessi.

In effetti la scelta e la selezione dei MOCA, o meglio definirne la loro conformità nelle condizioni d’uso previste, oltre a rappresentare un logico aspetto condizionante la sicurezza alimentare, è uno dei PRP (Pre Requisite Programs) previsti dagli standard internazionali di sicurezza alimentare (BRC, IFS e ISO 22000).

Il sistema deve essere sviluppato nell’ottica della valutazione e gestione del rischio (Risk Analisys) connesso alle fasi del sistema produttivo.

(Ai sensi del regolamento 178 il rischio (risk) è una funzione della probabilità e della gravità di un effetto nocivo per la salute, conseguente alla presenza di un pericolo (hazard) cioè un agente biologico, chimico o fisico contenuto in un alimento in grado di provocare un effetto nocivo sulla salute. La risk analisys è costituita da tre fasi interconnesse: valutazione (risk assessment), gestione (risk management) e comunicazione del rischio (risk communication).

Le tre fasi sono spesso così consequenziali da essere quasi indistinguibili nella logica della gestione del processo produttivo.)